Patè di melanzane sott’olio fatto in casa dalla mamma

Melanzane: ancora quintalate a riempire gli orti!

Stanchi di mangiare melanzane alla parmigiana o grigliate quotidianamente?

Nel nostro paese, Torremaggiore, le nonne e le mamme sono solite prepararle sott’olio o sott’aceto, così da:

  • non essere costretti a mangiare tutti i giorni melanzane,
  • avere delle scorte da consumare durante la stagione invernale, quando sono una verdura fuori stagione (non lasciarti ingannare dall’offerta dei supermercati! Frutta e verdura hanno una stagionalità che sarebbe bene iniziare a conoscere e rispettare!),
  • ridurre gli sprechi e utilizzare al meglio le risorse.

Il patè di melanzane può accompagnare bruschette o panini!

Nota bene: la preparazione richiede un po’ di tempo, seleziona la giusta playlist!

 

Ricetta

pate di melanzane fatto in casa della mamma

patè di melanzane sott'olio fatto in casa della mamma

paper clipProcedimento

 

  1. Taglia le melanzane a cubetti e mettile in una ciotola con il sale, lasciandole riposare per 2 ore
  2. Rilasceranno un po’ di acqua: eliminala con l’aiuto di un colino (o strizzandole con le mani)
  3. In una pentola, metti l’aceto e portalo ad ebolizzone
  4. Immergi le melanzane con l’aglio e le foglie di menta nell’aceto
  5. Appena riprende il bollore, scola tutto utilizzando un colapasta sul quale poggiare un peso (una pentola, un contenitore, un piatto, delle bottiglie …)  
  6. Lascia riposare per altre 2 ore, e intanto sterilizza i vasetti
  7. Utilizzando un frullatore robot cucina, frulla le melanzane, agggiungendo un filo di olio (a occhio, dice la mamma!)
  8. Transferisci il composto nei vasetti, assicurandoti di ricoprirlo di olio.

 

pinConsigli

 

  • Regolate la cremosità della salsa aggiungendo altro olio
  • Si può servire in una ciotola proprio come la crema di zucchine.
  • Conservare in luogo fresco
  •  Adatto ai veganivegan adatto ai vegani

 

 

 

Nota informativa

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*