P come Pomodoro

pianta-pomodoro
Credits BalconyWeb

“Non fate la guerra ma pane e pomodoro”
Manuel Vazquez Montalban

Nelle calde sere d’estate quando non tira un soffio di vento e la pelle diffonde ancora il calore delle giornate afose, dalle finestre del nostro paesino, Torremaggiore, non è difficile scorgere le famiglie, radunate intorno al tavolo, a gustare uno dei nostri piatti preferiti: pane e pomodoro. Fresco, semplice, una vera delizia.

E’ presente sulle nostre tavole e nei nostri ricordi fin da sempre; eppure, questo prezioso ortaggio ha fatto un viaggio molto lungo prima di arrivare fino a noi. Originario del Sud America, utilizzato già dagli Aztechi come condimento delle loro tortillas di mais, l’ortaggio rosso dai mille usi e virtù sbarcò in Europa con le navi dei conquistatori spagnoli, per entrare poi nel mercato internazionale dalla città di Siviglia.

E’ un ingrediente fondamentale nella dieta mediterranea ed è, insieme alla patata, la specie orticola più coltivata al mondo.

Cosa lo rende così speciale e diffuso?

Non è solamente il suo inconfondibile gusto a donargli questa incredibile popolarità. Il pomodoro, infatti, è ricco di acqua (94% del suo peso), povero di grassi e contiene molte vitamine (soprattutto la vitamina E) e sali minerali come ferro, fosforo, calcio e zinco.

Dato il suo elevato contenuto di acqua, il suo apporto calorico è davvero bassissimo. Pensate che 100 g di pomodoro contengono solo 17 kcal!

Ha proprietà diuretiche e digestive, grazie alla presenza di acidi organici che determinano l’abbassamento del pH dello stomaco. E’ per questo motivo, però, che è altamente sconsigliato a chi ha problemi di acidità di stomaco.

Il licopene, un idrocarburo della famiglia dei carotenoidi contenuto nel pomodoro, è ciò che suscita maggiormente curiosità. Il suo potere antiossidante è stato largamente commercializzato e venduto, per le sue proprietà antiradicalizzanti efficaci nella lotta contro il colesterolo cattivo e l’alta pressione. Per far sì però che queste vengano esplicate il pomodoro va cotto. In questo modo la molecola subisce una trasformazione chimica da trans a cis, che la rende più biodisponibile.

In che modo possiamo utilizzarlo nella nostra vita quotidiana?

Se lo amate così tanto come noi, vi consigliamo di preparare la salsa di pomodoro, così ne avrete in abbondanza tutto l’anno per condire i vostri piatti! E se non sapete in che modo usare il vostro pane raffermo, controllate la nostra ricetta dell’acquasale, così da minimizzare anche gli sprechi e concedersi un dissetante spuntino estivo.

E voi? Che altre ricette avete in mente?

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*